L’ONU prevede che entro il 2030 ogni persona dovrà avere una “identità biometrica”

Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo pianeta sta diventando sempre più globalizzato
e centralizzato, eppure la maggior parte della gente non sembra preoccuparsene soprattutto per via della grande disinformazione. L’ONU prevede che entro il 2030 ogni persona avrà un’identità biometrica, che sarà valida in tutto il mondo. Le informazioni di ogni essere umano saranno memorizzate in un database universale situato a Ginevra, Svizzera.



La disposizione delle Nazioni Unite è rivolta a tutti i governi del mondo che dovranno imporre una card di “identificazione biometrica universale” per i suoi cittadini. Questo nuovo programma è un modello per il ” uovo Ordine Mondiale” in previsione del grande tracollo economico che si prospetta in futuro, soprattutto per via dei cambiamenti climatici estremi. Quindi un motivo in più per permettere ad ogni singola nazione di provvedere in merito all’inserimento di microchip Rfid o comunque ad una card internazionale con i dati biometrici.
Le Nazioni Unite hanno realizzato questo progetto tra i rifugiati che sono arrivati in Europa. Il sistema di raccolta del viso, dell’iride, la biometria, impronte digitali, si sono stabiliti come l’unica documentazione ufficiale per i rifugiati. Le informazioni saranno inviate a un database centrale a Ginevra, consentendo in modo efficace il monitoraggio.

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

Fornire l’identità legale per tutti (compresa la registrazione delle nascite) entro il 2030 è un obiettivo condiviso dalla comunità internazionale come parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile (target 16,9). La World Bank Group (GBM) ha lanciato l’identificazione per lo Sviluppo (ID4D), iniziativa trasversale pratica, con la visione di conteggiare tutti, quindi assicurare una personalità giuridica unica e attivare i servizi di identificazione basati su ID digitali a tutti.


Secondo un rapporto della FindBiometrics, i funzionari si aspettano che questa tecnologia potrà essere utilizzata da uomini, donne e bambini in tutto il mondo entro il 2030. L’iniziativa di sviluppo è stata originariamente lanciata dalla Banca Mondiale, insieme con le Nazioni Unite e di altre istituzioni per avere in mano la “personalità giuridica” del soggetto. L’obiettivo è quello di garantire un’identità fresca e unica, consentendo ai servizi ID digitali di avere tutti a disposizione.


“E se qualcuno si rifiuta di approvare o immettere questo nuovo sistema di controllo della ‘personalità giuridica’, sicuramente sarà interdetto con il rischio di perdere il posto di lavoro, di non ottenere un nuovo conto bancario, una carta di credito, beneficiare di un mutuo, oppure di non ricevere più alcuna forma di pagamento dal governo. Chiunque si rifiuti di avere il nuovo ‘ID universale’ sarà disprezzato della società”, così ha dichiarato Michael Snyder in un suo articolo pubblicato su The economic collapse.

“Quello che l’élite vuole è assicurarsi che tutti siano ‘nel sistema’, ed è un sistema in cui potranno controllare e manipolare per i propri luridi e loschi scopi”: questo è uno dei motivi per cui il sistema di potere del NWO vuole lentamente ma inesorabilmente scoraggiare l’uso della moneta contante in tutto il mondo.



http://www.complottisti.com/lonu-prevede-che-entro-il-2030-ogni-persona-dovra-avere-una-identita-biometrica/

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

stampa la pagina

Nessun commento:

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...