Soros: Trump sparirà nel 2020, Google e Facebook hanno i giorni contati

L’amministrazione Trump e’ “ovviamente un pericolo per il mondo”, ma “un fenomeno assolutamente transitorio che sparirà nel 2020 o anche prima”.

Piu’ grave e’ il pericolo rappresentato da Facebook e Google: parola di George Soros, che ha lanciato una durissima, allarmata invettiva contro “l’ascesa e il monopolio” di Google e Facebook, che hanno svolto “un ruolo innovativo e liberatorio”, ma ora stanno causando “una serie di problemi di cui solo ora iniziamo a prendere coscienza”.Devono essere dunque “regolamentati”, ha detto Soros parlando a Davos, perchè altrimenti “difficilmente cambieranno: non hanno né la volontà né l’inclinazione a proteggere la società dalle conseguenze delle loro azioni. Sono dunque una minaccia e spetta alle autorità di regolamentazione proteggere la società contro di loro. I loro giorni sono contati”, ha comunque assicurato il finanziere e filantropo, aggiungendo anche un diverso ‘focus’ per le sue fondazioni: “Di solito si sono concentrate sul cosiddetto mondo in via di sviluppo, ma ora che la società aperta è in pericolo anche negli Stati Uniti e in Europa, stiamo spendendo più della metà del nostro bilancio più vicino a casa”.
“Il rischio è che Facebook e Google contribuiscano all’ascesa dei nazionalismi”

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

In conclusione del suo intervento, il sicario economico ha anche tracciato delle correlazioni tra la crescita del business delle società tecnologiche e l’aumento della disuguaglianza tra la popolazione, sostenendo che i profitti di Facebook e Google sono “frutto di una strategia deliberata per evitare responsabilità dei contenuti che vengono pubblicizzati”. (agi)


SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

stampa la pagina

Nessun commento:

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...